Terremoto (M.I.)

Modello di intervento in caso di terremoto
Il Sindaco, quale autorità di protezione civile a livello comunale, avvalendosi delle proprie strutture comunali, fissa le linee operative ed individua nelle funzioni di supporto lo strumento per il coordinamento degli interventi da attivarsi nel Centro Operativo Comunale (COC).

In sintesi, in caso di evento sismico il Sindaco dovrà attivarsi in via prioritaria per le seguenti operazioni:
• provvedere all’attivazione del COC dandone comunicazione alla Prefettura, Provincia e Regione.
• convocare i responsabili delle Funzioni di Supporto che prendono posizione nei locali predisposti, dando avvio alle attività di competenza.
• provvedere alla delimitazione delle aree a rischio, ed alla relativa istituzione di posti di blocco (cancelli) sulle reti di viabilità, al fine di regolamentare la circolazione in entrata ed in uscita nelle suddette aree.
• disporre l’utilizzo delle aree di emergenza preventivamente individuate.
• provvedere ad informare continuamente la popolazione nelle aree di attesa
• predisporre la riattivazione della viabilità principale con la segnalazione di percorsi alternativi.
• organizzare squadre per la ricerca ed il soccorso dei dispersi e predisposte l’assistenza sanitaria ai feriti ed alla popolazione confluita nelle aree di attesa.
• favorire relativamente alla Salvaguardia dei Beni Culturali alla messa in sicurezza dei beni mobili ed immobili.
• favorire il ripristino della funzionalità dei Servizi Essenziali;
• favorire il ripristino delle attività produttive;
• garantire la continuità amministrativa del Comune (anagrafe, ufficio tecnico, etc.);
• assicurare un flusso continuo di informazioni verso le altre strutture di coordinamento;
• assumere tutte le iniziative atte alla salvaguardia della pubblica e privata incolumità.

La gestione della fase post evento viene coordinata dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile se l’evento si inquadra come emergenza di livello nazionale in termini di energia rilasciata al suolo e livello di impatto sul territorio; in caso contrario verrà coordinata dalla Regione. In entrambi i casi il Comune dovrà comunque attivarsi secondo le procedure previste dal presente Piano.


PROCEDURA OPERATIVA  A LIVELLO COMUNALE

La tabella di seguito riportata descrive in maniera sintetica il complesso delle attività che il Sindaco deve perseguire per il raggiungimento degli obiettivi predefiniti nel piano, dove le attività sono ricondotte nello specifico ambito delle funzioni di supporto.

Essendo il terremoto un evento non prevedibile, le fasi operative nelle quali si articola la risposta del Sistema di Protezione Civile si riducono alla sola fase di “Allarme”.